giovedì 19 gennaio 2012

Sagne ncannulate


Un'altra ricetta della tradizione salentina




Ingredienti:
400 gr farina di grano duro
100 gr farina di orzo
sugo di pomodoro
sale e peperoncino
cacioricotta 
ricotta pecorina (ricotta forte) 




Preparazione

Disponete la farina a fontana su una spianatoia. Aggiungete un pizzico di sale e gradatamente l'acqua fino ad ottenere un composto omogeneo e consistente. Stendete la sfoglia sottile e tagliare delle striscioline di 1 cm e mezzo cadauna. Tenete la striscia con il pollice e l'indice della mano sinistra mentre con la mano destra si incannula la sagna rigirandola su se stessa. Mettete ad asciugare le sagne cosparse di farina di grano duro  per almeno 3 ore, in modo che la pasta possa mantenere la sua forma anche in cottura.
 Cuocete in acqua bollente salata. Conditete la pasta con sugo di pomodoro con cacioricotta oppure con ricotta pecorina (c.d. ricotta forte).

24 commenti:

  1. Le ricette tradizionali i piacciono moltissimo, raccontano qualcosa della nostra terra e delle abitudini dei nostri avi che ci hanno lasciato per eredità la grande cucina italina invidiata in tutto il mondo. Un piatto semplice semplice come piace a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Flò adoro le ricette della tradizione

      Elimina
  2. Che buone ....che fame, passo chef? sono rimaste??? bacio MarySol

    RispondiElimina
  3. Sono stata nel salento l'estate scorsa le ho mangiate con la "ricotta ascante" mi sembra che si dica una bontà unica. Baci Marida

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Marida si possono mangiare con al ricotta ascante oppure con il cacioricotta nei mesi estivi(il cacioricotta in quel periodo è più buono)

      Elimina
  4. Meravigliose e buonissime......che fameeee!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come le vuoi? cacioricotta o ricotta ascante?

      Elimina
  5. ma che buone con quel formaggio e quei pomodorini giusto per un spuntino!!!!bravo chef come al solito. Un abbraccio Andrea

    RispondiElimina
  6. 'Ascuante' per l'esattezza! Io preferisco cmq il cacioricotta! Ale

    RispondiElimina
  7. A voler essere veramente precisi si dice (in salentino) ricotta scante

    RispondiElimina
  8. Buonissima ho un amica leccese che me le fa sempre bravo Chef. Baci Carla

    RispondiElimina
  9. E' la prima volta che vedo l'uso della farina d'orzo per la pasta, da mettere da parte, molto interessante..ma quanto sei bravo? :-D

    RispondiElimina
  10. Ogni volta che passo da te e vedo un piatto del mio Salento il cuore fa un tuffo nel petto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia quando passi lasciami un tuo parere è sempre gradito.Anche io ti farò una visita :) buon w.e.

      Elimina
  11. buonisssimmmmmmmmmmaaaaaaaaa. Baci Joanna

    RispondiElimina
  12. Che buone ma come si fanno sono difficili secondo ce la posso fare io novella sposina. saluti Delia

    RispondiElimina
  13. Ciao! C'è una sorpresa per te... guarda qui spir-eat.blogspot.com/2012/02/versatile-blogger.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco, un salutino :-)

      Elimina
    2. Son sempre mi!!!Cambiamo menù? ;-) Buon pomeriggio.

      Elimina