domenica 15 marzo 2015

Brut ma bon ......




Il mio amico Bruno mi ha invitato per un te, io avevo poco tempo e allora? Brutti ma buoni, i biscottini veloci che   soddisfano più il palato che la vista. Moooolto casalinghi: ecco la ricetta, come sempre rivisitata.






Ingredienti:
100 gr di farina di mandorle
100 gr di farina di nocciole
100 gr di albumi
160 gr di zucchero a velo vanigliato
40 g di zucchero semolato




In una boule di vetro capiente mescolate le due farine di mandorle e nocciole, lo zucchero a velo setacciato. Montate a neve gli albumi  e, quando incominciano a schiumare, unite lo zucchero semolato e continuare a montare fino a quando non si otterrà una meringa lucida e ferma.
Con una spatola inserite la meringa negli ingredienti secchi, un po’ alla volta, mescolando lentamente dal basso verso l’alto per non smontarla. Con un cucchiaio formate dei mucchietti irregolari su una teglia ricoperta di carta da forno e infornate. Cuocete in formo preriscaldato a 150° per 10 minuti, poi a 100° per altri 20 minuti.

giovedì 12 marzo 2015

tartare di salmone e avocado con citronette di lime

Ecco il mio spuntino fresco e semplice, due ingredienti che adoro conditi con una citronette al lime.





Ingredienti
  • 200 gr. di salmone fresco
  • 1 avocado maturo;
  • il succo di 2 lime;
  • olio extravergine di oliva;
  • sale di maldon.
  • erba cipollina
  • tabasco q.b.
  • olio extra vergine q.b. 
  • pepe q.b.

Procedimento:
Prendete il salmone fresco (abbattuto in precedenza) e tagliatelo a dadini con dei coltelli molto affilati, mettetelo in una bastardella e conditelocon il sale . Copritelo con della pellicola trasparente e mettete in frigorifero per un ora.
Sbucciate l'avocado, eliminate la parte centrale e tagliate la polpa a dadini. Poi irroratelo con il succo di un  lime e conditelo con il sale, pepe e qualche goccia di tabasco. Prendete un piccolo cerchio d'acciaio e mettete inizialmente l'avocado ed infine il salmone, decorate con 'erba cipollina tagliuzzata e condite con la citronette di lime (emulsionate l'olio evo con il lime e il sale).

venerdì 6 marzo 2015

le mie zeppole di san Giuseppe

Quella delle zeppole di san giuseppe è una ricetta tradizionale del salento. Oggi vi propongo la ricetta del mio nonno pasticcere che ricordo con molto affetto.




Ingredienti zeppole
500 gr di farina 00
125 gr di strutto
1/2 di lt d'acqua
un pizzico di sale
9 uova
1lt d'olio di arachidi

Ingredienti crema pasticcera
4 uova
mezzo litro di latte
15 gr di amido di mais
150 gr di zucchero
buccia di limone non trattato
30 gr di cacao amaro

Procedimento
Inizialmente fate la crema pasticcera mettendo a bollire in un pentolino, preferibilmente antiaderente, il latte e la scorza del limone non trattato. Raggiunto il bollore, unite al latte la montata di uova e fate cuocere per 1 minuto. Dividete la crema in due piccole boule di vetro in una mettete il cacao amaro e mescolate con vigore. Fate raffreddare velocemente le due creme in un bagnomaria di acqua e ghiaccio. 
Adesso fate l'impasto delle zeppole: Mettete l'acqua in una casseruola con un pizzico di sale fino insieme allo strutto e fate sciogliere sempre mescolando. Fate leggermente bollire e poi unite la farina tutta in una volta e mescolate fino a ottenere una palla che si stacca dai bordi della casseruola. Incorporate le uova con una planetaria o con un frullino sino ad avere una consistenza di una crema pasticcera, mettete il composto in una tasca da pasticcere e formate le vostre zeppole su dei quadrati di carta forno unti di strutto. Friggete a fuoco lento e successivamente spolveratele con zucchero a velo e cannella e guarnite con le due creme pasticcere.




lunedì 9 febbraio 2015

I miei taralli napoletani n'zogna e pepe

Il tarallo o tarallino è un prodotto da forno tipico della  Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia. Vi propongo come prima ricetta del 2015 la mia versione napoletana n'zogna e pepe.






ingredienti:

400 gr di farina 00

100 gr di farina manitoba
120 gr di strutto
150 gr mandorle con la pelle
3 di pepe nero (Francesco 2 gr)
12 gr lievito di birra
14 gr sale
220 gr acqua






Procedimento
Tritate inizialmente le mandorle con la pelle con un coltello. Fate la fontana con le due farine mescolate mettendo al centro lo strutto, il pepe macinato e il lievito sciolto in pochissima acqua. Poi aggiungete l'altra acqua tiepida quanto ve ne richiede l'impasto, dopo aggiungete il sale, infine le mandorle tritate. Mettete l'impasto in una boule di vetro coprite con della pellicola trasparente e fate lievitare per almeno un ora. Dopo la lievitazione senza lavorare l'impasto formate un lungo filone del diametro di 3 o 4 cm, schiacciatelo con il mattarello, tagliate con un coltello delle striscie di 1,5 cm e tirate tra le mani dei filoncini di pasta e intrecciateli. 



Cuocete in forno preriscaldato a 190° per una 16/17 minuti (regolatevi con il vostro forno), continuate la cottura per farli tostare ad una temperatura di 150° per altri 35 minuti.

 

giovedì 25 dicembre 2014

Stecchi di frutta caramellati di natale

Nella stagione invernale e sulla tavola delle feste sono belli e golosi gli spiedini di frutta caramellata. Oltre ad essere buoni, fanno bella mostra di se' e sono perfetti come centro tavola nelle feste natalizie.




Ingredienti Caramello

200 gr di zucchero semolato
50 gr di acqua naturale
1 cucchiaio di glucosio

Ingredienti frutta

2 mandarini freschi
6 albicocche secche
6 datteri snocciolati
6 gherigli di noci
6 prugne secche snocciolate
 


Procedimento
Infilate la frutta su lunghi spiedini di legno alternando la frutta. Preparate quindi il caramello, mettendo in un pentolino gli ingredienti indicati. Lasciate cuocere a fuoco medio finchè il composto non assume un colore bondo dorato, quindi togliete dal fuoco, mettete il pentolino a bagnomaria e tenete sul fuoco dolcissimo affinchè il caramello rimanga fluido senza colorirsi ulteriormente. Prendete un foglio di carta forno e mettetela sul piano di marmo. Appoggiate gli spiedini con la frutta alla vostra bassina con il caramello e con un cucchiaio versate il caramello sulla frutta ruotando gli spiedini (attenti anon bruciarvi siamo a 180°) in modo uniforme. Poggiate gli spiedini sulla carta forno ed una volta che sono freddi potete fare come me infilzateli su una mela anche ricoperta di carta argentata.